Il sale fa male: i danni che provoca all’organismo

il sale fa male

Il sale fa male e sarebbe proprio esso che non ci fa smettere di mangiare di continuo le patatine fritte. E’ difficile resistere ad un sacchetto di patatine e certe volte ci capita di mangiarne troppe. Non riusciamo proprio a fermarci: sarebbe l’effetto determinato dal sale. Lo ha scoperto una squadra di ricercatori australiani dell’Università di Deakin. Fino ad ora si credeva che avessimo una certa propensione a considerare come buoni i cibi grassi. A quanto pare non sarebbe vero, ma ciò che ci indurrebbe a fare scorpacciate di questi alimenti sarebbe il sale che viene aggiunto ad essi.

Tutto ciò ci porterebbe complessivamente ad assumere l’11% in più di calorie, mettendoci fortemente a rischio di obesità. Gli studiosi hanno preso in considerazione 48 persone, che per un mese, una volta a settimana, hanno dovuto mangiare della pasta, le cui portate differivano per dosi differenti di sale e grassi. Si è potuto verificare che l’aggiunta di sale nel piatto aumentava la fame e quindi il desiderio di mangiare di più.

Perché il sale fa male

Il sale è il principale responsabile dell’aumento della pressione arteriosa, ma non si tratta soltanto dell’ipertensione, perché, anche se questa non si manifesta come campanello d’allarme, mangiare troppo sale a lungo termine può provocare molti danni al nostro organismo:

  • si irrigidiscono le pareti di vasi e arterie
  • si può manifestare l’ipertrofia del ventricolo sinistro del cuore
  • si può avere una dilatazione del tessuto muscolare che ha il compito del battito cardiaco
  • si può ridurre la funzionalità renale
  • si rende ipersensibile il sistema nervoso simpatico
  • fa male alla vista, perché può determinare l’ipertensione oculare
  • fa male ai denti e alle ossa, perché facilita l’osteoporosi e le carie
  • danneggia le pareti dello stomaco
  • fa ingrassare
  • fa male alla pelle, perché favorisce la comparsa della cellulite
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Parmigiana di zucchine al forno [ricetta]

I trucchi per diminuire la quantità di sale consumato

In considerazione di tutti questi possibili danni che il nostro corpo può trarre da un eccessivo consumo di sale, dovremmo limitarne la sua assunzione. Non è difficile provvedere a tutto ciò. Basta seguire alcuni semplici regole nella propria alimentazione quotidiana. Si tratta di trucchi che riguardano le proprie abitudini alimentari:

  • non mettere la saliera a tavola
  • riduci il consumo di alimenti salati
  • stai attento all’etichetta: a volte il sale è aggiunto soltanto per dare un maggior gusto agli alimenti. Ricordiamoci che in molti casi può essere sostituto da aromi e spezie
  • mangia molta frutta e verdura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close Cookmode