Colon irritabile, alimentazione corretta: i cibi consigliati

colon irritabile alimentazione

Colon irritabile: quale l’alimentazione corretta con i cibi consigliati da scegliere? I sintomi tipici di questa malattia infiammatoria sono dovuti ad alcune categorie di carboidrati, che vengono riassunti con la parola inglese Fodmap. Si tratta di zuccheri che vengono assorbiti molto poco a livello intestinale, sono in grado di richiamare acqua e sono fermentati molto velocemente dalla flora batterica. Le manifestazioni sintomatologiche che possono determinare sono proprio quelle tipiche del colon irritabile. Queste classi di carboidrati sono le seguenti:

  • Fermentable
  • Oligossaccharides
  • Disaccharides
  • Monosaccharides
  • Polyols

La loro assunzione, nei soggetti predisposti, può causare dolore addominale, accumulo di gas nello stomaco, flatulenza e diarrea. Possiamo rimediare attraverso la cosiddetta dieta Fodmap.

Che cos’è la dieta Fodmap

La dieta Fodmap si basa sull’esclusione di questi zuccheri dall’alimentazione quotidiana, per arrivare ad un miglioramento dei disturbi. Non si tratta di una dieta fai da te, infatti è sempre opportuno rivolgersi ad un nutrizionista e farsi consigliare come deve essere strutturato questo tipo di regime alimentare. Esso non deve essere portato avanti per più di 14 giorni e bisognerebbe evitare anche di eliminare del tutto quelle fibre che sono importanti per il corretto funzionamento dell’intestino. La dieta Fodmap può essere divisa in due fasi:

  • Fase 1: per 7-14 giorni eliminiamo i cibi ricchi di zuccheri Fodmap. Se la sindrome dell’intestino irritabile, con tutti i sintomi connessi, è provocata da questi zuccheri, otterremo subito un miglioramento.
  • Fase 2: dopo 15 giorni a poco a poco rintroduciamo nella nostra alimentazione i cibi con zuccheri Fodmap. E’ opportuno tenere anche un diario con tutti i sintomi eventualmente via via riscontrati. In questo modo si può migliorare la nostra soglia di tollerabilità.

Schema della dieta Fodmap

quinoa colon irritabile

Riportiamo di seguito lo schema della dieta Fodmap, che si può seguire durante la settimana (per un massimo di 2 settimane) per mettere in pratica un regime alimentare che ci possa liberare a poco a poco dai sintomi del colon irritabile.

  • Colazione: 1 bicchiere di bevanda a base di riso o di spremuta di arancia, mezzo bicchiere di fiocchi di mais o 30 grammi di biscotti senza glutine.
  • Spuntino: 2 kiwi o 1 banana oppure 2 fette di ananas.
  • Pranzo: possiamo scegliere tra 5 cucchiai e mezzo di riso da preparare in insalata, 5 cucchiai di grano saraceno e zucchine o 7 cucchiai e mezzo di quinoa (prova la ricetta della quinoa con verdure), rucola e pomodori. Aggiungiamo al pranzo 1 bicchiere di mirtilli, 1 arancia oppure 1 porzione di zucchine o 1 bicchiere di uva.
  • Merenda: 4 gallette di riso integrale o 1 bicchiere di lamponi.
  • Cena: 110 grammi di petto di pollo o frittata con zucchine oppure 150 grammi di polpo. Uniamo anche 1 porzione di insalata mista e 3 fette di melone estivo oppure 1 porzione di fagiolini e 2 fette di melone oppure ancora 1 porzione di pomodori e 1 bicchiere e mezzo di uva.
  • Nell’arco della giornata possiamo consumare anche circa 80 grammi di pane aglutinato.
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Carenza di ferro: cosa mangiare per combattere l'anemia

Gli alimenti consigliati

Ecco quali sono gli alimenti consigliati da inserire nell’alimentazione in caso di colon irritabile. Sono quelli che contengono meno zuccheri Fodmap:

  • frutta: banana, mirtilli, uva, melone, kiwi, arancia, lampone, pompelmo, fragola, limone;
  • latte delattosato, latte di soia, latte di riso;
  • burro;
  • sciroppo di acero;
  • verdure: sedano, peperoni, melanzane, fagiolini, lattuga, zucca, pomodori;
  • cereali: farro e prodotti senza glutine.

Gli alimenti da evitare

Per limitare la manifestazione dei sintomi tipici del colon irritabile, bisognerebbe cercare di evitare l’assunzione dei seguenti alimenti:

  • frutta: mele, pere, pesche, mango e anguria;
  • miele;
  • verdure: carciofi, asparagi, barbabietole, broccoli, cavoli, piselli, scalogno;
  • cereali: frumento e segale (in grandi quantità);
  • legumi: ceci, lenticchie, fagioli, fave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close Cookmode