Semi di chia per l’intestino: quanti al giorno e come si assumono

semi di chia per l'intestino

I semi di chia per l’intestino sono molto utili: quanti al giorno prenderne e come si assumono? Rappresentano una fonte abbondante di ferro, di vitamine e di omega 3. Sono in grado di depurare il sangue dal colesterolo cattivo e possono svolgere un ruolo molto importante nel disintossicare l’organismo. I semi di chia sono dei piccoli semi bruni, che si ricavano da una pianta tipica del Sud America. Le loro proprietà nutritive sono molto elevate e contengono tantissimi minerali importanti per il buon funzionamento del corpo. Oltre al ferro, infatti, questi semini contengono anche calcio, magnesio e zinco.

Semi di chia e colon irritabile

I semi di chia sono ricchi di fibre solubili, in grado di esercitare un’azione benefica nei confronti del transito intestinale. Ecco perché è molto utile assumere i semi di chia, anche quando si soffre di colon irritabile con episodi di stipsi. Questi semi contrastano i ristagni che nell’organismo creano gonfiore e depurano tutto l’organismo.

Si possono assumere anche sotto forma di gel, in modo che possano esercitare maggiormente un’azione depurativa. Per preparare il gel di semi di chia basta metterne 180 grammi in un litro di acqua. Poi si mescola bene o si frulla, in modo da ottenere una crema dalla consistenza omogenea. L’amalgama va fatto riposare per circa un’ora e può essere conservato in frigorifero per 15 giorni. Mezz’ora prima dei pasti si beve un bicchierino di gel mischiato con l’acqua.

Semi di chia: come si assumono

I semi di chia sono perfetti da consumare come spuntino. Si possono assumere al naturale oppure si possono aggiungere alle nostre ricette o ad alcuni cibi. Con questi semi è possibile gustare in modo particolare lo yogurt, i cereali oppure si possono ottenere delle minestre o delle insalate buonissime. Sarebbe meglio non cuocerli, perché altrimenti con il calore andrebbero distrutte le loro proprietà benefiche.

LEGGI
Sale a tavola? Ecco quando esageriamo

Quanti semi di chia al giorno

Per beneficiare delle proprietà terapeutiche dei semi di chia, se ne dovrebbero mangiare uno o due cucchiai al giorno, accompagnati da un bicchiere d’acqua. Proprio accompagnati con l’acqua si possono bere a colazione. Sono ottimi per stimolare le difese immunitarie e quindi rientrano perfettamente tra i cibi contro l’influenza.

Tutto merito dell’azione antiossidante delle vitamine A, C ed E. Assieme allo zinco, aumentano la riproduzione delle cellule che stanno alla base del nostro apparato di difesa contro le infezioni esterne. Proteggono la circolazione grazie alla presenza di acidi grassi omega 3. Contrastano le infiammazioni e sono una fonte importante di aminoacidi, utili per la costruzione della muscolatura grazie alla formazione delle proteine.

Come usare i semi di chia per dimagrire

Hai mai usato i semi di chia per andare in bagno? Da questo punto di vista sono davvero importanti, perché riducono il gonfiore e permettono di apparire molto più magri. Essendo ricchi di fibre, inoltre, una volta arrivati nello stomaco, si espandono e favoriscono il senso di sazietà. Sono molto importanti, quindi, per calmare la fame, soprattutto quella di origine nervosa. I semi di chia, quindi, ci spingono a mangiare di meno e risultano fondamentali per chi vuole seguire una dieta ipocalorica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close Cookmode