hashtag food blogger

Gli hashtag sono uno strumento potentissimo per gli addetti ai lavori nel mondo di Instagram. Funzionano come delle calamite per le dita dei followers, che saranno magicamente guidate verso l’icona col cuoricino. Lo sanno bene i blogger, e in particolare i food blogger, che fanno parte di un ramo che ormai ha preso ampiamente piede sui social e si occupa di cibo. Cibo cucinato, assaggiato, fotografato e in ogni caso condiviso.

Complice della popolarità di questo settore è il sempre più ampio ventaglio di programmi culinari, che siano sfide o illustrazioni di ricette. In una parola: si tratta di moda. E, in quanto tale, anche per i food blogger esistono delle parole più efficaci di altre per attirare l’attenzione sulla propria fotografia o sul proprio post.

Di seguito, ne vedremo alcuni esempi. Noterete che tutti gli hash tag cibo sono in inglese, la lingua che, al pari del cibo, ha ormai monopolizzato il mondo digitale.

#food

Sembra terribilmente banale, eppure è questa l’etichetta che più di tutte spopola e metterà in vista i vostri post da food blogger. Dopotutto, basta una semplice parola per identificare ciò di cui si vuole parlare pubblicando la foto della propria tavola imbandita per una cena speciale o dell’appetitosissimo piatto di alta cucina appena ordinato al ristorante. Una parola che unisce qualsiasi tipo di situazione abbiamo immortalato che implichi qualcosa da gustare e condividere con i nostri followers.

#foodporn

Con questo termine si intende il gesto, ormai estremamente comune, di riprendere o fotografare il cibo che si sta per mangiare allo scopo di condividerlo in modo istantaneo con il nostro pubblico. Lo scopo è precisamente quello di attirare l’attenzione sul piatto, renderlo particolarmente appetitoso e invogliare i follower ad assaggiarlo, come in una sorta di esperienza di condivisione totale. A questo scopo vengono anche utilizzati degli appositi programmi di editor per rendere il cibo più appetibile.

#yummy

Una parola che, per pura e semplice assonanza, parla da se e in modo chiaro, anche a chi non padroneggia particolarmente bene la lingua inglese. Delizioso, gustoso, appetitoso, da far venire l’acquolina in bocca. Ecco lo spirito del food blogging (e, a proposito, del food porn) espresso in un hashtag semplicissimo quanto esplicativo, che invoglia a mangiare con gli occhi l’oggetto del post.

#instafood

Questo tag replica quello di #foodporn, aggiungendo un carattere più pervasivo (e a tratti quasi maniacale) della tendenza a fotografare qualsiasi cibo ci capiti per le mani o nel piatto. Il concetto del food porn, con i suoi tentativi di rendere il cibo ancora più bello e goloso, qualcosa da sfoggiare come fosse un’opera d’arte, ma stigmatizzando la frenesia e la ripetitività del gesto, rendendo esplicita la finalità di raccogliere più consensi possibile. Questo effetto viene creato semplicemente dalla citazione del popolare social.

#homemade

Un evergreen, che si adatta bene a qualsiasi ambito, e più che mai a quello del food, in cui ognuno dice la sua e allo stesso tempo continuamente cerca di imparare il meglio da qualcun altro che ritiene più esperto. Inutile dirlo, il fascino del fatto in casa funziona sempre a stregare chiunque, creando una forte impressione che automaticamente va ad agire sullo stesso impatto visivo che può esercitare il post.

Sicuramente qualcosa di fatto in casa con le proprie manine è di maggiore effetto sui followers, che rimarranno impressionati dal risultato, specialmente se visivamente gradevole. Inoltre, questa etichetta rappresenta allo stesso tempo la dimostrazione del fatto che si possa imparare a preparare dei manicaretti deliziosi anche con le risorse che si hanno a disposizione nella cucina di casa propria, applicando le tecniche corrette.

#foodgasm

Chiudiamo con un termine davvero recente, dal suono intrigante. Con foodgasm si intende una sensazione che a tutti noi sarà capitato di provare qualche volta. Si tratta di quell’esperienza quasi estatica di euforia accompagnata ad un intenso piacere che si prova quando si assaggia un cibo particolarmente appetitoso o goloso.

Una sensazione facilitata da certe tipologie di cibo, specialmente quelli a base di zucchero, grassi e carboidrati, che agiscono sul nostro cervello producendo inevitabilmente piacere. Un termine che sicuramente ingolosirà i followers al pari della foto pubblicata.